lunedì 28 dicembre 2015

The Story of Naja Capitolo 6 - Il Sogno del Cervo Bianco


"Naja fu svegliata da un bramito. Benché sulle prime la colse lo spavento, poi in lei si fece largo lo stupore: un grande cervo alato le era proprio a due passi. L’animale dimostrò subito di non essere affatto pericoloso, abbassando la testa e carezzandole teneramente il viso. La principessa ne restò del tutto meravigliata: possedeva due luminosi palchi piumati, un candido manto liscio e profumato, una lunga coda folta e profondi occhi color nocciola, che le risultarono in qualcosa stranamente familiari. Rassicurata dalla sua aria benevola, Naja contraccambiò il gesto carezzandogli il muso.
« Ehi, che cosa sei…? » gli chiese, rapita dalla sua bellezza."

Here we go! Con questo sesto capitolo la storia di Naja comincia ad assumere tutte le caratteristiche che volevo darle sin dall'inizio: un'avventura fantastica, non solo ricca di tanta azione ma anche di molti misteri.

La nostra protagonista si ritroverà infatti catapultata in un contesto del tutto surreale, dove a un certo punto una sua battuta...sarà esattamente la vostra battuta, ne sono sicuro! (leggendo, capirete che intendo).

E siccome mi piace sorprendervi, questo capitolo si chiuderà non con uno ma con due colpi di scena: fatemi sapere come sarete rimasti a lettura ultimata! :D

Come al solito, qui di seguito i link per il capitolo 6:
- Clicca qui per leggere la versione download
- Clicca qui per leggere la versione online su Wattpad


Il prossimo capitolo uscirà intorno alla metà di gennaio, credo. Tenetevi aggiornati tramite il mio blog o la pagina di Doraetos per conoscere la data di pubblicazione ufficiale.  

A questo punto, concludo passando al consueto spazio per le curiosità e a qualche anticipazione: fatemi sapere cosa ne pensate! :D

The Story of Naja - Curiosità sul Capitolo 6
(Obviously Spoiler)




1) I discepoli di Ion usano il Voi e tutta una serie di vari appellativi per rivolgersi a Yuniko. Invece per riferirsi al Re di Zendria i sudditi usano il Lei e solo pochi tipi di appellativi.

2) I colori del covo dei discepoli e quelli del castello di Lagania sono antitetici: verdi per il primo, tonalità basate sul magenta per il secondo. Questi giochini di colore non saranno cosa rara in Naja.

3) Tutta la prima parte del sogno di Naja è raccontata proprio come se lo fosse in tutto e per tutto. Se ci avete fatto caso, Naja si stupisce di quello che vede ma non si chiede mai se stia sognando o meno: proprio come di solito accade quando si sogna.

4) Fra la prima parte del sogno e la seconda, Naja vive il fenomeno della paralisi nel sonno, un qualcosa di piuttosto comune, specie fra i giovani. Ovviamente, ciò non è stato messo a caso. Anzi, se sarete attenti, noterete che in questo capitolo ci sono gran parte degli indizi per capire i risvolti futuri.

5) Il cervo bianco in origine doveva essere la seconda mascotte di Doraetos Manga, poi accantonata. Siccome mi piaceva molto, ho trovato il modo di inserirlo all'interno di The Story of Naja.

6) La sequenza nella cattedrale è ispirata in parte ai primi momenti di gioco del videogioco Kingdom Hearts, in particolare quando si fa riferimento ai canti monodici. In KH erano di un certo tipo, quelli che sente Naja sono dei veri e propri canti gregoriani. La loro presenza era necessaria non solo per fini scenici, ma perché in "quel luogo" dovevano esserci tutti gli elementi magici del mondo di Naja (fra cui, per l'appunto, il suono).

7) Sì, quello che sta sull'altare è proprio un fumetto. Ma nel mondo di Naja non esistono e così lei non sapeva spiegarsi bene cosa aveva davanti. Anche qui, la cosa non è stata inserita per mero sfizio, ma per un motivo ben preciso. Sono solo nel dubbio se trasformarlo in un romanzo fumettato, piuttosto che in fumetto: il futuro saprà darmi/darci risposta.


8) Il castello di Lagania è ispirato a diversi castelli realmente esistenti, fra cui quello di Ludwig.





 

Per quanto riguarda le anticipazioni, posso già dirvi che il settimo capitolo si baserà essenzialmente su una serie di dialoghi, che serviranno a delineare i rapporti fra alcuni principali personaggi del racconto.

Tutto un preambolo per prendere fiato fra quanto raccontato nei precedenti e quello che verrà nei prossimi: infatti, i capitoli successivi sono, secondo me, da paragonare a uno scoppiettante spettacolo di fuochi d'artificio! Tantissima azione, combattimenti fra maghi e la manifestazione di cose del tutto assurde! Benché scriverli non sarà esattamente come un bicchiere d'acqua, non posso nascondervi che il pensiero di scriverli non mi fa stare più nella pelle! :D

The Story of Naja Capitolo 5 - Il Sommo Yuniko


"« Fate rapporto » comandò, con una voce del tutto fuori dal mondo: era molto cavernosa, e come miscelata innaturalmente a soffusi ma inquietanti ringhi e sibili; finanche il suo solo sussurrare, faceva accapponare la pelle a chiunque, anche ai suoi servi più fedeli. Per il timore reverenziale che nutrivano verso di lui nessuno osò pensare, anche solo minimamente, di alzare lo sguardo. "

Dopo una movimentata sequenza di azione, il capitolo precedente, si è chiuso in una maniera a dir poco inaspettata: per via del maleficio della malevolenza imperitura Naja è stata picchiata dalla sua stessa gente. Un'esperienza che ha lasciato un segno indelebile nell'animo, tanto da farla vagare fra i vicoli di Borgo Dragomarino profondamente umiliata e amareggiata.  Nella sua mente serpeggiano solo mesti pensieri, che la condurranno a prendere una certa decisione.

Questo è l'incipit del capitolo 5, pubblicato in anteprima sulle pagine di Doraetos Manga #10. Un capitolo in cui è stato presentato anche il principale antagonista della storia: il sommo Yuniko.


Per chi non avesse letto la versione pubblicata su DM c'è da sapere soltanto una piccola cosa prima di iniziare la lettura: ho accennato senza una descrizione ai furchili dell'aria, una sorta di furetti giganti che possono volare (il nome deriva da un gioco di parole: fur-"etto" e fur-"chilo").

Questo perché, siccome il capitolo 5 si fonda sullo stato psicologico di Naja e sulla figura di Yuniko, ho pensato che sarebbe risultato di troppo aggiungere la loro descrizione; così ho optato per introdurli all'interno del capitolo 3, quando si parla dei dainalli. Questa modifica, in vista della pubblicazione di tSON su EFP, verrà "messa su carta" nei prossimi giorni, con dei piccolissimi aggiornamenti dei vecchi capitoli.

Detto ciò, come sempre ecco i link al capitolo 5.

Clicca qui per la versione DOWNLOAD
Clicca qui per leggerlo online su Wattpad

Per chi ha già letto il capitolo, qui di seguito vi lascio qualche riga di approfondimento.
Parliamo innanzitutto delle modifiche che ho apportato (dando per scontato la correzione di refusi):

1) Naja non cammina più in un paesaggio "tinto di arancione", ma "di tinte giallastre del primo pomeriggio".

2) La descrizione di Yuniko è stata ampliata.

3) Ho cambiato la descrizione della magia del suono che Yuniko scaglia contro i suoi stessi seguaci. Avevo scritto infatti che aveva scatenato un insieme di rumori gravissimi e acutissimi contemporanei, ma penso che le orecchie in realtà possano percepirli sono in maniera alternata. Così ho cambiato quella parte nella seguente: prima genera un insieme di suoni perlopiù gravi, per poi passare gradualmente a "un'orchestra infernale di acuti suoni tremendamente insopportabili". 
Ecco nello specifico come ho modificato:

"Il discepolo, in preda alla fifa più tremenda, non tergiversò ulteriormente; chiuse gli occhi, come pronto a ricevere un colpo mortale, e poi comunicò: 

« Uno… Uno dei nostri ha usato la ma- magia dell’acqua rossa e del fuo…» non ebbe il tempo di terminare la frase che tutti quanti si portarono, tremanti e doloranti, le mani alle orecchie: la stanza fu prima invasa da un rapido verso pulsante misto a un sottofondo di quella che pareva essere una orchestra di tube, per poi tremare tutta a causa di un fastidiosissimo insieme di suoni terribilmente acuti, simili a tantissime trombette e dischi rigati; quell’esecuzione infernale era tremendamente insopportabile, e a qualcuno scoppiarono persino i timpani.


« Non era ancora arrivato il momento!! » gridò Yuniko furibondo, mentre li torturava con la sua terribile magia del suono. Solo quando decise che fosse abbastanza, si fermò. Presi dallo spavento, tutti si accucciarono a terra come cani bastonati, implorando pietà.
« Miserabili insetti schifosi…»" 

Questo insieme di suoni si rifà perlopiù a quello dei versi che producono i lemuri. Qui di seguito vi lascio degli esempi per farvi una idea. Ovviamente però dovete immaginarveli "più spettrali" di quelli che sono in realtà.

- Verso pulsante misto a un'orchestra di tube.

- Suoni di trombette (pensateli come un unico suono continuo, non come una serie di versi).
- Suoni di "dischi rigati".

Ora parliamo di qualche curiosità.

A) Naja ha detto una parolaccia: vero, non è proprio il tipo, ma vista la situazione credo che chiunque se la possa lasciar far scappare. Ho pensato inoltre che così la scena avrebbe dato più enfasi alla scena e che il personaggio così si sarebbe potuto "avvicinare di più" ai lettori.

B) Come dirà Relumi nel capitolo successivo, Naja come maga guerriera è in gamba ma non un genio. Anche se in realtà la primissima versione l'avevo immaginata "quasi senza pecche e peccati", poi ho deciso che un personaggio così sarebbe stato estremamente noioso.

Ho trovato quindi che sia molto più interessante poterla seguire attraverso tutta la sua evoluzione, capire insieme a lei insomma quali sono i suoi blocchi e vedere sviluppare tutte le sue potenzialità. Inoltre, renderla troppo forte, al pari di una vera e propria supereroina, avrebbe reso tutte le sequenze d'azione estremamente scontate.

Insomma, in linea generale, sono dell'idea che le imperfezioni e i limiti sono quegli elementi che danno veramente "un sapore" alla storia: così il lettore può immedesimarsi meglio nei personaggi e può essere lasciato di sasso alle situazioni più inaspettate che gli vengono presentate, non trovate?

C) Come mai Yuniko è uno spettro-lemure? Qualcuno fra voi se lo sarà certamente chiesto. La risposta è che, nel tentativo di rendere originale questo personaggio, ho scoperto che i lemuri sono collegati...ai lemuri, cioè i fantasmi a cui credevano gli antichi romani: da lì è nata l'idea di sommare la figura classica dello spettro a quella dell'animale lemure, seppur con qualche piccola variante; infatti, rispetto alle bestiole, Yuniko è decisamente moooolto più inquietante. Maggiori informazioni su di lui verranno rilasciate con il focus on dedicatogli di prossima pubblicazione.


Dulcis in fundo, vi ricordo che l'appuntamento col capitolo 6 di The Story of Naja è già fissato per questa sera intorno alle 21: insomma, doppia porzione di Naja prima della fine dell'anno!

mercoledì 23 dicembre 2015

Tanti auguri di Buone Feste da Doraetos Manga!


Quello che segue è l'editoriale pubblicato su Doraetos Manga #10 il giorno 21 Dicembre 2015, corretto ed arricchito con nuovi particolari, immagini e auguri di buone feste.

Con questa uscita la rivista di Doraetos raggiunge un altro importante traguardo: dall'uscita del primissimo numero sono infatti passati tre anni, e non abbiamo nessuna intenzione di fermarci qui con le nostre attività. 

Ne è passata acqua sotto i ponti...eppure sembra ieri!


Ecco le principali novità successe negli ultimi mesi e quelle che vi annuncerò per i successivi:


1) Da qualche mese stiamo collaborando attivamente col portale di Animeclick al concorso IICA 2015, volto a promuovere le autoproduzioni italiane. Fra le opere in concorso ci sono: ScrollBound, Stone of Fate, Crossing Masters, Humour Bites, Dark Luster e Preistory.

Il banner dell'IICA2015


2) Su questo numero è iniziata la serializzazione di una nuova serie a fumetti: Taiga Hostess Club, di James R. Hoyer, che fra l’altro ha aiutato Orsetta ad impaginare questo nuovo numero della rivista.

Permettetemi di spendere due parole su James.

Dovete sapere che ha dovuto tentare due volte di superare la selezione, prima di arrivare alla pubblicazione. È riuscito lì dove certi altri hanno miseramente fallito. 

E non a caso ho usato l’avverbio “miseramente”: è capitato infatti che qualche respinto se la sia presa in maniera piuttosto esagerata, nonostante tutta la cordialità delle mie risposte e il (sempre) abbondante lavoro di revisione che fornisco gratis. Ed è molto buffo, se si pensa poi che l’ostacolo da superare sia quello di raggiungere grosso modo (quindi anche qualcosa in meno) solo il livello tecnico del primissimo capitolo di Rave The GrooveAdventure

James invece ha seguito le indicazioni e i suggerimenti che gli avevo fornito ed inoltre, cosa ben più importante, ha perseverato nel suo obiettivo che è stato poi raggiunto: quindi pacca sulla spalla a questo ragazzo, che è migliorato come fumettista e si è guadagnato con merito il suo posto all'interno di Doraetos.

Un prima e un dopo di una tavola di Taiga Hostess Club


3) Abbiamo in cantiere la creazione di un qualcosa legato a Fullmetal Alchemist, fumetto che abbiamo scoperto adorare un po’ tutti all’interno del gruppo. Stay Tuned.



4) Da parte del sottoscritto resta ferma l’intenzione di continuare a scrivere articoli e creare video a favore del fumetto in generale, della produzione japstyle e del mondo dell’autoproduzione.

5) Con tutta probabilità parteciperemo al Napoli Comicon 2016, ripetendo quindi la bella esperienza fatta qualche anno fa. Se ce la si fa, sono previste mini esibizioni e la partecipazione di persone al di fuori di Doraetos presso il nostro stand.



Alla fiera ci saranno due nostre autoproduzioni: ScrollBound e The Story of Naja. Non mancherà ovviamente la gadgettistica e la volontà da parte nostra di regalare sketch e dediche a chiunque ci verrà a trovare.

6) È stata già programmata una divertentissima attività in cui voi, pubblico, avrete un ruolo importantissimo. Maggiori informazioni saranno rese disponibili nel corso di Gennaio 2016: fidatevi, ci sarà da divertirsi! :D


Detto ciò, parliamo un attimo della rivista: attraverso gli ultimi 5 numeri abbiamo dato dimostrazione di poter uscire praticamente sempre regolari. Dal prossimo numero però la rivista tornerà a cadenza variabile, grosso modo con due o tre numeri all’anno.

 Questo perché impaginarla per noi risulta piuttosto dispendioso in termini di tempo. Inoltre c’è da dire che i lettori preferiscono comunque leggere le proprie opere direttamente sulle piattaforme online, dove vi abbiamo portato piano piano, tramite la pubblicazione dei nostri contenuti su blog o canali connessi al gruppo (vedesi Tapastic, Webcomics, Youtube, etc). 

Quindi il ruolo che avrà la rivista per i prossimi numeri sarà quello di mostrare in anteprima e/o raccogliere più o meno tutto il materiale che creeremo.

Fatto questo avviso, vi auguro una buona lettura per questo numero, che è tornato ad essere molto copioso in termini di contenuti!


Finisce qui il testo del mio editoriale pubblicato sull'ultimo numero. Approfitto di queste ultime righe per ringraziarvi ancora di tutta l'attenzione che riponete in noi e di augurarvi di buone feste con questa bella (anzi focosa) illustrazione creata da James!




- Davide Della Via & Tutto il Team Doraetos! :)

lunedì 7 dicembre 2015

Focus On Relumi + Approfondimento sul Capitolo 4!



"Ma alcune improvvise e dirompenti vampate investirono le bestie, bruciandole sino a far evaporare anche loro. Quindi, dall'edificio lì accanto, qualcuno saltò in mezzo a loro, mani nelle tasche.

« Che diavoleria è mai questa? » domandò arcigna ai discepoli una ragazza dagli occhi smeraldo e dai rossi capelli fiammeggianti. Quelli però restarono in silenzio in posizione di guarda, a studiarla. Strisciò allora un piede per terra, descrivendo un semicerchio, e creò così un falò da cui spuntarono alcune lingue di fuoco che liberarono Naja dalla morsa in cui era incatenata.

« Grazie, Relumi! » esclamò la principessa, rivelando il nome di una compagna d'Accademia, una delle più brillanti in assoluto.

« Fa' silenzio, e smamma. Qui basto e avanzo io » rispose duramente la maga rossa.

Strusciando i piedi al suolo, calciò quindi alcune violente e avvolgenti fiammate a due discepoli, che morirono carbonizzati fra atroci grida di dolore."


Così fa il suo esordio Relumi, all'interno del capitolo 4 di The Story of Naja. Per descriverla con poche parole, credo sia perfetto dire che è una focosa maga guerriera: affascinante, brutale e abilissima nell'uso delle tecniche del fuoco e della luce. Per citare Marqué "una bomba", in tutti i sensi.


Lei è una coetanea di Naja e il suo ruolo all'interno della storia sarà quello della rivale. Infatti, oltre ad essere una sua compagna d'accademia, le due maghe condividono la stessa appartenenza all'elemento della luce, ma con una notevole differenza: Relumi ha un talento invidiabile nel padroneggiare questo elemento, con cui invece la nostra protagonista ha diverse difficoltà.


E chissà se ciò dipende dal fatto che Relumi...è l'ultima discendente del Sacro Cavaliere Bianco, l'eroe che salvò Laya, il mondo fantastico di Naja, dal potentissmo Grande Mago Ion.


Qui vi presento il suo character design (qui in grande e qui per lo SPEEDPAINT):
Il Character Design di Relumi

In origine la sua apparenza grafica era diversa: sembrava una super saiyan con lo stesso colore di capelli di Elsa, di Fairy Tail. Qui in basso, in alto a sinistra nell'immagine, una versione "addolcita" dell'aspetto che pensavo di darle.

In alto a sinistra, una prima versione di Relumi
Però ho deciso di rivederne il design per un motivo molto semplice: non volevo che venisse associata né ai super saiyan né ad Elsa. Così buttai giù un paio di bozze, e la seconda versione che creai mi convinse appieno.

La versione in basso mi ha convinto di più.

Il taglio di capelli è ispirato al fuoco e le esplosioni: la chioma ricorda un po' una fiamma mossa dal vento, mentre il codino sembra una miccia; per quanto concerne i ciuffi alla cinese ai lati della testa, li ho messi per conferirle un aspetto più femminile/meno severo, e sono inoltre un qualcosa che suggeriscono quella che è la sua personalità: se è vero che Relumi ha uno spirito forte d'altro canto sa essere anche molto dolce in contesti più riservati e amichevoli.

Il design dei suoi vestiti è un mix fra un vestiario urbano moderno e quello degli antichi romani: il drappo di stoffa rosso che le cinge il busto è infatti ispirato alle toghe romane, e ha la funzione sia di ingentilire ancora di più la sua figura e sia quella di mostrare in qualche modo che è comunque di origini nobili.

Al collo ha appeso una sorta di acchiappasogni, anche se in realtà è un vero e proprio disco. Le sue caratteristiche verranno spiegate più in là nel romanzo.

Ad entrambe le mani porta degli anelli in metallo, che reputo dannatamente sexy quando indossati dalle ragazze. Li porta ai pollici, indici e anulari; portarli alle prime due dita è simbolo di potenza e controllo a quanto pare, mentre portarli agli anulari denota un lato di sé più sentimentale.

Parlando infine dei colori, generalmente sono tutti colori associati al fuoco: rosso, giallo e arancione.

Ho voluto conferire ai capelli quest'ultima tonalità perché ho pensato che il "rosso Elsa/Ranma" fosse troppo stereotipato. Così ho optato per lo stesso colore di capelli di Julia Crichton, protagonista nel film "Fullmetal Alchemist: la sacra stella di Milos".

Ma non è l'unica cosa che ho attinto da Fullmetal Alchemist: le sue magie del fuoco sono ovviamente ispirate a quelle di Roy Mustang; o per meglio dire, nell'immaginarmi le varie sequenze di lotta che l'hanno vista coinvolta, ho fatto mente locale e rimembrato come gli animatori di FMA Brotherhood avevano sequenziato le scene d'azione in cui c'era Mustang.


La novità introdotta da me, in via generale, è quella secondo la quale per creare la magia del fuoco ci sia bisogno di una frizione: con le mani, su un tessuto o anche strusciando i piedi per terra. Ciò fa parte di un disegno che vede la magia di The Story of Naja come un qualcosa creata attraverso dei movimenti e dei gesti particolari, la frizione nel caso del fuoco (approfondirò la questione in un capitolo dedicato all'interno del romanzo).

E anche i piro, i sai che usa Relumi, sono ispirati ai guanti di Mustang, ma con le dovute e notevoli differenze. I manici dei piro infatti ricordano vagamente dei grossi accendini e al loro interno c'è una riserva di ehifen carico della volontà del fuoco: Relumi, sfoderando queste armi, può impiegare le sue magie senza consumare il suo soffio vitale.

Per concludere il Focus On su Relumi, diciamo da dove deriva il nome.


Prima che lo decidessi, il suo nome in codice era semplicemente "Rossa". Quando ho stilato una prima lista di nomi, erano usciti fuori strani appellativi come "Rokfira", ma che mal si addicevano al personaggio. Ogni mio dubbio in merito è svanito guardando un episodio di Ranma; in casa Tendo c'è una delle figlie del maestro Soun che si chiama Kasumi: da lì Relumi, che ho poi associato al termine "Luce Rossa" (Red + Lumi, in qualche modo).




Approfondimento sul capitolo 4


Circa gli stregoni terroristi

In realtà l'idea non è stata minimamente ispirata agli ultimi fatti di terrorismo che sono successi. Molto semplicemente, avevo sin dall'inizio in mente di creare questo tipo di setta che perseguita gli elzerian, proprio perché in origine Ion era visto come il diavolo e quindi come una sorta di grande terrorista, in senso assoluto.

I discepoli però, come si vedrà, sono molto sottovalutati in The Story of Naja, almeno nelle prime battute: se inizialmente infatti sapevano fare le stesse cose dei cavalieri bianchi, se non per il fatto che fossero più scarsi, poi diverranno via via sempre più minacciosi e capaci di magie totalmente sconosciute, come l'acqua rossa e il fuoco verde.

Poi, con tutta sorpresa per Naja e company, sanno invocare delle creature spettrali che si rifanno a quelle associate alle streghe o al demonio: i karaguari ai gatti, i rospotauri ai rospi e le leocapre...alle capre, appunto. XD E alla fine del capitolo si vede anche l'evocazione di un corvo.

Il loro aspetto, che mostrerò appena possibile, è un mix fra quello degli stregoni e i ninja.

Piccola nota prima di proseguire: quello che dice Relumi all'interno del capitolo non è affatto una mia idea, ma è un qualcosa da ricondurre solo e unicamente al personaggio.

Circa il makigei e i ganbò

Sono strumenti di mia totale invenzione. Il makigei, uno speciale bracciale magico, serve a portarsi appresso le più disparate cose, ma in versione ridotta: sono ispirati alle pokéball (quello è l'effetto che mi immagino, quando gli strumenti si gonfiano grazie all'ehifen che viene in loro incanalato) e agli ARM del fumetto Mar.

I bastoni che usa Naja invece, i ganbò, sono un mix fra normali bastoni corti, spade uncinate e spade normali.



I combattimenti


Tutta la sequenza di combattimento deriva dai miei numerosi anni passati a praticare le arti marziali e a vedere film di kung fu. La parte che più mi è "piaciuta" è quella della mulattiera: non ho mai visto qualcosa di uguale in vita mia e mi galvanizzo al solo pensarla animata!


Per quanto riguarda le scene di lotta a mani nude, non meravigliatevi se Naja tiene testa ad un uomo: ho provato sulla mia pelle che le donne sanno essere mooolto temibili e...picchiare forte, quindi fidatevi, è possibile. XD


In generale le sequenze di lotta a suon di magia prendono spunto da serie animate quali L'ultimo dominatore dell'Aria, la Leggenda di Korra, Fairy Tail e tante altre opere del Paese del Sol Levante.
Ma come detto su ho cercato di mettere subito ben in luce che i combattimenti di Naja hanno una loro originalità: esistono maghi che sanno usare anche più elementi (vedi Relumi) e le magie si originano tramite dei gesti particolari (più un'altra serie di cose, che poi rivelerò).


E detto ciò, così si conclude questo nuovo Focus On. Se sei rimasto incuriosito da quello che hai letto, potrei leggere i primi quattro capitoli di The Story of Naja semplicemente andando alla voce del menù apposita in questo blog: lì potrai scaricare il pdf con tutti i capitoli scritti sin ora oppure leggerli comodamente online grazie alla piattaforma Wattpad.

In ogni caso, fammi sapere cosa ne pensi su tutto quello che più preferisci. E per chi ha letto il capitolo...voi invece come la immaginavate Relumi? E che impressioni vi ha suscitato? Vorreste vederla in qualche situazione particolare all'interno della storia? Fatemelo sapere, scrivendomi attraverso i commenti!

Grazie mille per l'attenzione! Noi ci vediamo col capitolo 5, intitolato "Il sogno del cervo bianco" il giorno 21 Dicembre, prima sulle pagine di Doraetos Manga e poi come sempre sul mio blog. :D